Skip to content

SCHNELLGESUNDABNEHMEN.INFO

Schnellgesundabnehmen.info

Scarica saiyuki sigla


  1. testi delle sigle e canzoni – SAIYUKI
  2. Saiyuki: per i 20 anni della serie animata votate il miglior bishonen
  3. testi delle sigle e canzoni – SAIYUKI |

For Real. 1° sigla iniziale della serie tv “Saiyuki” (eps ) Voce: Hidenori Tokuyama Versione: integrale. Saiyuki (幻想魔伝 最遊記 Gensōmaden Saiyūki) è un manga di Kazuya Minekura. È stato Gli episodi OAV di Saiyuki Reload Burial sono composti da una sigla d'​apertura ed una di Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile. Scarica gratis le sigle dei cartoni animati in formato MP3. Saiyuki. Sigla di apertura 2 TvMania: Telefilm, cartoni, quiz Palinsesti, notizie e files da scaricare. Qui troverete una vasta gamma di video inerenti all'anime di saiyuki. a saiyuki, se volete scaricare o aportare il vostro music video fatelo sulla chat di saiyuki In questa sezione troverete tutte le video sigle che hanno trasmesso su MTV e su​. Cartoni animati y, sigla cartoni animati gratis, sigla cartoni animati scaricare della ricerca: sigla mp3 / cartoni animati / telefilm tg chi / baldios / saiyuki / tg5.

Nome: scarica saiyuki sigla
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 18.25 MB

Ha scelto la shoreiju perché "alle brutte" se la sarebbe potuta puntare alla testa. A volte penso che se avessi fatto Giapponese invece di Lettere probabilmente avrei finito per scrivere la tesi su di lei. In Italia abbiamo la maggior parte delle sue opere un giorno spero arrivino tutte , a chi ha già letto ogni volume di Saiyuki e relativi spin-off attenti con il Gaiden perché il rischio di allagamento in casa causa lacrime è dietro l'angolo consiglio di cuore di recuperare in primis Wild Adapter per quanto anche lui fermo, sigh e il volume unicoStigma.

Poi, se ve ne innamorerete, anche Nido di vespe e Bus Gamer sempre volumi unici. Io lo vedevo da piccola e non ci davo molto peso anche se era uno dei miei preferiti perché all'epoca io ero attratta dai pg inspirati alle "scimmie", aka bastava il nome Goku per farmelo amare. E giusto per dire, nonostante gli anni e tutto, Son Goku continua ad essere il mio preferito.

Anche se sinceramente la scelta è davvero difficile. Lei è la mia guru in tutto e per tutto. La cura dei personaggi molte opere sono volumi unici ed è riuscita comunque a farmi entrare in sintonia con dei pg per poche - purtroppo - pagine e il suo modo di narrare: per me è una poetessa, oltre che una disegnatrice. E se sembra esagerato allora si vede che non avete letto accuratamente le sue opere.

A volte penso che se avessi fatto Giapponese invece di Lettere probabilmente avrei finito per scrivere la tesi su di lei. In Italia abbiamo la maggior parte delle sue opere un giorno spero arrivino tutte , a chi ha già letto ogni volume di Saiyuki e relativi spin-off attenti con il Gaiden perché il rischio di allagamento in casa causa lacrime è dietro l'angolo consiglio di cuore di recuperare in primis Wild Adapter per quanto anche lui fermo, sigh e il volume unicoStigma.

Poi, se ve ne innamorerete, anche Nido di vespe e Bus Gamer sempre volumi unici. Io lo vedevo da piccola e non ci davo molto peso anche se era uno dei miei preferiti perché all'epoca io ero attratta dai pg inspirati alle "scimmie", aka bastava il nome Goku per farmelo amare.

E giusto per dire, nonostante gli anni e tutto, Son Goku continua ad essere il mio preferito. Anche se sinceramente la scelta è davvero difficile. Lei è la mia guru in tutto e per tutto. La cura dei personaggi molte opere sono volumi unici ed è riuscita comunque a farmi entrare in sintonia con dei pg per poche - purtroppo - pagine e il suo modo di narrare: per me è una poetessa, oltre che una disegnatrice.

E se sembra esagerato allora si vede che non avete letto accuratamente le sue opere. E soprattutto, come sopracitato: leggetevi assolutamente Wild Adapter.

testi delle sigle e canzoni – SAIYUKI

Avevo 13 anni Mi spiace moltissimo che ancora oggi aspettiamo il finale, ma povera autrice che ha avuto dei problemi gravi. All'inizio del manga ha i cornini ricurvi e più prominenti, per poi rimpicciolirsi nelle storie seguenti. La personalità dell'aliena viene anche mutata col tempo. La prima idea dell'autrice era quella di farla sembrare l'opposto di una ragazza nipponica, e quindi era caratterizzata con un forte temperamento e dei modi alquanto espliciti in fatto di sesso, ma dopo qualche storia anche questo bellissimo personaggio verrà "appiattito" in favore dello humor che renderà famosa la "principessa".

E' irascibile e oltremodo gelosa; non ci sa fare con la cucina terrestre infatti cucina soltanto con ingredienti piccanti , e i ritrovati tecnici della sua razza sono spesso la rovina dei poveri abitanti del quartiere Tomobiki. All'inizio non va a scuola con Ataru e va solo a disturbare e a tener d'occhio il suo "tesoruccio". Successivamente diventerà una alunna della classe del Liceo Tomobiki.

Di lei sono innamorati praticamente tutti i maschi della classe, compreso Shutaro Mendo che tenterà in ogni modo di "rubarla" ad Ataru che da parte sua ha sempre sperato nel "furto".

Uno dei suoi colpi speciali uno dei più efficaci si chiama "morso elettrico", mentre la scarica elettrica più potente la sprigiona attraverso una posizione delle braccia che ricorda molto quella del "raggio spectrum" di "Spectreman" che comunque appare diverse volte all'interno del manga.

Non è che non sa cucinare Ah dimenticavo: è bellissima! Ten Cuginetto di Lamù che, venuto a trovarla sulla Terra, si stabilisce a casa Moroboshi.

Ha un'avversione innata per "l'idiota" indovinate chi potrà mai essere Come vi dicevo, nel manga è molto più "donnaiolo", e approfitta di tutte le occasioni per strusciarsi sulle signorine.

E' irascibile e pestifero, ma non vola molto veloce e per questo perde quasi sempre i confronti diretti con "l'idiota" di cui sopra vi parlavo dai, non è difficile capire chi sia! E' innamorato cotto di Sakura e chi non lo sarebbe e tenta in tutti i modo di farla sua strappandola a Tsubame e difendendola da Ataru.

Ha anche lui i suoi piccoli problemi di "coppia" visto che si deve liberare di una bambina alquanto oppressiva Mako che è convinta di doverlo sposare! Il suo nome significa "cielo", anche se molti siti affermano che provenga da "Jariten" ovvero "sassolino". Per assurdo la sua mamma è un pompiere e quando lo va a trovare il povero Ten è costretto a comportarsi bene e soprattutto a non lanciare fiamme! Quando vola Rumiko Takahashi gli assegna il suono buffo "wig wig" o "wigga wigga".

Nel doppiaggio originale parla nel dialetto antico di Osaka! In assoluto uno dei miei personaggi preferiti! Un'ultima cosa su Ten bisogna dirla. Il personaggio deve quasi tutta la sua simpatia alla doppiatrice italiana, Isa Di Marzio, venuta a mancare qualche anno fa e mai dimenticata. Che Dio l'abbia in gloria. Notizie sul popolo degli Oni La razza aliena di cui Lamù fa parte si ispira agli Oni, ovvero i demoni o orchi antropomorfi dell'antico Giappone.

Si tratta essenzialmente di omaccioni grandi e grossi, nerboruti e dall'aspetto poco rassicurante; dotati di un numero variabile di corna uno, due, tre, o anche più, in qualche caso , sfoggiano solitamente canini molto aguzzi che sbucano dal labbro inferiore conferendo ai possessori un'espressione truce in qualsiasi istante della giornata.

Saiyuki: per i 20 anni della serie animata votate il miglior bishonen

Come indumenti usano tuniche a una bretella o mutandoni, ma tutti rigorosamente tigrati; le loro armi sono solitamente molto grezze bastoni, mazze chiodate , ma alcuni conoscono anche l'arte della spada dei samurai. Naturalmente sono brutti e cattivi, mangiano bambini, rubano il bestiame e saccheggiano le città, ma la loro scarsa intelligenza li rende vulnerabili sul piano tattico e organizzativo. Ataru Moroboshi Il suo nome significa "sfortunato con le stelle" a sottolineare sia che è un tipo sfigato sia che la sfortuna che perseguita il nostro povero Ataru è legata proprio ad un popolo extraterrestre!

Il povero disgraziato è di "famiglia povera", come spesso si dice nel manga, e a casa a volte il cibo è proprio contato! Praticamente è l'incarnazione dei difetti umani o dei pregi! Le sue uniche preoccupazioni sono: tentare di palpare tutte le donne che incontra e mangiare Il suo vero problema oltre alla sfiga cronica è la gelosia della bella Lamù!!! In media infatti viene fulminato 10 volte a episodio!

E' davvero instancabile e sembra che abbia più vite di un gatto! Nei primi episodi del manga si fa cenno alle sue conoscenze delle tecniche dei ninja la sua preferita è la "sostituzione". E' completamente senza morale ed è velocissimo, il predatore perfetto! All'inizio della storia è il fidanzato di Shinobu, che dichiara anche di volerlo sposare se vince la sfida con Lamù! Se non altro la più sofferta nel senso che le scariche elettriche, i banchi in testa e i vari oggetti contundenti usati al fin di allontanarlo dalle altre donne fanno davvero male!

E' il nemico naturale di Shutaro Mendo di cui è l'equivalente "povero" e inscena con lui esilaranti lotte! Mentre Shutaro tira sempre fuori dal nulla la "katana", la sua arma è il martello gigante!

Per parare i colpi fa sempre uso della tecnica ora non ricordo il nome con la quale si ferma la lama della spada con le mani! Altro discorso va fatto per Ten e Sakurambo! Il primo viene affrontato con una padella a mo' di racchetta di tennis, mentre il secondo a mani nude e a calci! Il monaco buddista è come una "gazzetta della sfiga" che tortura quotidianamente Ataru con predizione nefaste!

Il suo piatto preferito è il sukiyaki che a casa Moroboshi si fa una volta l'anno perché i soldi scarseggiano , mentre di sicuro non mangerebbe mai niente cucinato da Lamù : Il colpo segreto usato con efficacia durante l'ultima parte del manga è il "tocco della schiena" col quale ha fatto più danni che col fidato martellone!

Il personaggio subisce un evoluzione drastica durante la serie. All'inizio tutto il racconto è incentrato su di lui e sulla sua celebre sfortuna, mentre nell'ultima parte non è difficile trovarlo come comprimario. Alla fine del manga resterà l'unico vincitore : Curiosità: Nel manga italiano viene detto che Ataru è nato il 17 e non il Questo perché gli adattatori italiani volevano far risaltare la "sfiga" cronaca del ragazzo usando un numero che notoriamente porta male nel nostro paese il 17 appunto.

I coniugi Moroboshi A parte che è già difficile trovare del materiale genetico talmente scarso da generare un disgraziato come Ataru, ritengo che sia stato ancora più difficile crescerlo! La loro unica colpa è averlo generato, e lui li ha ben ripagati regalandogli l'esaurimento nervoso!!! Siamo di fronte al dilemma più grande del mondo degli anime E' colpa dei genitori che lo hanno cresciuto colpevolmente nell'idiozia che ai due non manca e nella povertà che non gli manca neanche , oppure il caro Ataru ha fatto tutto da se?

Insomma ci è nato idiota o ci è diventato??? Il mio caro amico Dr. Inferno regalerebbe uno dei suoi Mostri Meccanici preferiti suppongo Doublas M-2 che è ancora più raro perché fuori produzione, full optional e con gli interni in "marmo di Bados" pur di conoscere la verità Ad essere sincero penso che la colpa della generazione della "bestia" sia tutta loro Ma in un certo senso anche del Giappone stesso, visto che questa famiglia è l'archetipo della famiglia medio-borghese giapponese.

Il padre di famiglia è un impiegato di una società imprecisata, e guadagna quanto basta per sfamare la sua famiglia. Chiamarlo inetto è fargli un complimento e l'unica sua funzione all'interno della propria casa è quella di reggere un giornale e bere ogni tanto del sakè.

La mamma invece è una casalinga acida ed egoista sicuramente non contentissima della vita che conduce fatta di pochi lussi e troppi guai. Non ha mai nascosto il suo dispiacere per aver messo al mondo Ataru, e in casa è lei che "porta i pantaloni". Stupenda la storia in cui si innamora di Rei e medita di abbandonare marito e figlio! I litigi fra i due non si contano, l'argomento di discussione preferito di entrambi è l'educazione del figlio: ovvero scoprire da chi avrà preso Shinobu Miyake La "dolce" Shinobu!

Come vi dicevo all'inizio è la ragazza di Ataru, ma dopo qualche tempo, stanca della presenza di Lamù, "ripiega" verso Shutaro Mendo All'apparenza è una ragazza dolce e sensibile, ma in realtà è pericolosissima!!!

Quando si arrabbia o si ingelosisce afferra la sua arma preferita: i banchi! Basta farla arrabbiare e sfodera la forza di Maciste!!! A farne le spese di solito è quel pirla di Ataru! E' di buona famiglia ed è un personaggio marginale rispetto agli altri. Di lei si innamorano le creature più strane: un kitsune un volpacchiotto , Soban il capo dei bulli del Liceo Butsumetsu che solo a ricordarmelo mi fa schifo!

Mendo, troppo preso da Lamù e dalle altre ragazze, non la degnerà mai di uno sguardo interessato! Con tutta probabilità Rumiko Takahashi ha preso spunto per questo personaggio da una sua collaboratrice di nome appunto "Shinobu Miyake". Curiosità: il nome "Shinobu" significa "pazientare", "resistere". I compagni di classe di Ataru Come vi dicevo sono più caratterizzati nell'anime, dove assumono anche delle identità stabili: Chibi, Perma, Kagugari e Megane.

Satoshi Megane che significa "occhiali" è l'unico di una certa importanza ed è innamorato matto di Lamù. Kosuke Perma che significa "permanente" , Akira Chibi che significa "pulcino" e Hiroyuki Kagugari che significa "taglio alla moda" sono delle figure comprimarie che servono solo nelle immancabili lotte di classe, ma non avranno mai un ruolo di protagonisti.

E' inutile dire che sono i fondatori del club degli "amanti di Lamù". Sono i responsabili della venuta di Lamù in via definitiva sulla Terra.

La loro canzone "venite venite gente dello spazio" era in realtà intonata da tutti gli adolescenti giapponesi che volevano rivedere la bella aliena del pianeta degli Oni! Shutaro Mendo Primogenito di una famiglia ricchissima è uno dei personaggi più gustosi della serie!

Arriva nel manga dopo qualche tempo, ma diventa subito uno dei protagonisti. Come la stessa autrice ci fa capire spesso è un "Ataru ricco e bello" cosa che nell'anime è poco evidenziata.

Insomma anche il magico Ataru sarebbe rispettato da tutti se fosse bello e soprattutto ricco. E' l'idolo delle ragazzine della "seconda-4", ma l'unica che gli è indifferente è la sua adorata Lamù che invece preferisce l'odiato "Moroboshi". Grandiosi i litigi a colpi di "katana" che non si capisce mai da dove tiri fuori con Ataru che affetterebbe volentieri anche senza un pretesto valido Lui e Ataru sono sempre in disaccordo in tutto e tentano di fregarsi a vicenda per tutta la serie Ha un difetto grave Non appena si trova in un luogo stretto e buio e senza lo sguardo di una donna ce lo costringe a mantenere un contegno decoroso inizia a frignare come un bambino:"E' buio!

E' stretto! Ho paura! In un episodio tenterà di combattere questa paura allenandosi dentro delle campane di bronzo, con l'unico risultato di sviluppare una forza tale da rompere ogni campana di bronzo che gli cada addosso! Raccontare tutto quello che possiede è impossibile, la sua famiglia ha praticamente tutta la roba più stramba della Terra e puntualmente questi oggetti verranno usati maldestramente per combinare guai!

Ha la passione per i polpi, che sono raffigurati anche nello stemma della casata Mendo in realtà la maschera di "Hyottoko", l'uomo che soffia sul fuoco! I polpi sono per Shutaru sulla stessa posizione delle donne e difenderli è per lui un dovere oltre al fatto che non li colpirebbe mai.

Oltre ad Ataru ha un altro nemico giurato: Tobimaro Mitsunokoji, un "amichetto di infanzia" un imbecille patentato che ha la fissa di volerlo battere a baseball Curiosità: Nella serie Tv viene chiamato "Shotaro" e non "Shutaro". Mendo è servito da un esercito di guardie del corpo le classiche, quelle vestite in abito nero. Tobimaro lo chiama confidenzialmente "Shu". La famiglia Mendo Che è una delle famiglie più influenti del Giappone lo sapete, quello che forse non sapete è che anche loro come i Moroboshi hanno i loro problemini Il padre sembrerebbe una persona normale, molto distinto ed educato, se non fosse per le assurde prove che impone al figlio per renderlo a parer suo un degno successore della stirpe.

La mamma di Shutaro è uno spasso!

Da donna nobile qual'è è legata alle tradizioni Parla sempre e soltanto con un ventaglio davanti la bocca e non la si vede mai in volto per questo motivo. I suoi pensieri li esprime di solito il maggiordomo che si porta sempre dietro. La sorella di Shutaro Ryoko invece è un personaggio discretamente importante all'interno del "nostro" universo preferito. E' una bambina viziata che ha come unico scopo nella vita quello di eliminare il fratello! Forse Rumiko ci vuol dire che nelle famiglie ricche non si guarda in faccia nessuno?

Le loro battaglie sono deliziose, combattute con le armi più strane del mondo! L'uso scenografico che l'autrice fa dei "kuroko" è sempre esilarante, e mai banale.

Anche lei parla in maniera alquanto antiquata e per far dispetto al fratello gli fa credere di essere innamorata dei suoi peggiori nemici: Ataru Moroboshi chiamato "il nobile" e Tobimaro Mitsunokoji detto "il prode". Se non lo avete ancora fatto compratevi il manga di Uy che ne vale la pena davvero!

I due voracissimi religiosi meritano tutti gli onori del caso! Zio e nipote sono il simbolo della religiosità nipponica. Essendo esponenti di due religioni diverse Sakurambo è un monaco errante buddista mentre Sakura è una sacerdotessa di Shinto non fanno altro che litigare, ma in fondo si vogliono "bene" quando non sono impegnati a rivaleggiare in esorcismi.

Sakura è bellissima mentre suo zio è un obbrobrio, tanto che, quando nel manga lo inquadrano in primo piano, i personaggi stessi rimangono inorriditi! Un'altra "qualità" di Sakurambo è quella di predire sventure al povero Ataru che poi in verità sono tutte esatte. Le predizioni vengono fatte sulla base dei lineamenti del viso del povero Ataru, e quindi basta incontrarlo per predire qualche nuova "yazza" "sfortuna" in giapponese.

Diverrà grande amico del gatto Kotatsu e lo si trova sempre accampato in qualche ricovero di fortuna a preparare filtri magici e fesserie simili.

Sakura invece è anche la donna più bella della serie e per questo gode delle "attenzioni particolari" del buon vecchio Ataru Essendo dotata di facoltà extrasensoriali riconoscerebbe Ataru dovunque e sotto qualsiasi forma gli si lanci di sopra!!! Per tutta la serie sarà la fidanzata di Tsubame, un personaggio che nel manga è "semi-normale" e che nella serie Tv diventa maldestro ed inetto.

Sakurambo che significa "ciliegia" e Sakura "ciliegio" sono dotati di una feroce voracità e di una faccia tosta senza pari! Infatti, a quanto si capisce, hanno uno stomaco quasi senza fondo e si fanno spesso invitare a cena beh forse "invitare" è una parola grossa Sakura all'inizio della serie è di salute cagionevole Sakura occupa anche il ruolo di infermiera del Liceo Tomobiki, posto che gli occupa più guai che altro: infatti l'orda di fameliche bestie di sesso maschile del Liceo si catapulta spesso in massa a farsi "visitare" dalla bella Sakura!

La mamma di Sakura ovvero la sorella di Sakurambo è orrenda e non si sa come abbia fatto a generare tanta bellezza! Praticamente è un Sakurambo con la parrucca : Curiosità: Sakurambo, da "buon" bonzo", è un esperto di meditazione, peccato siano le meditazioni più strane del mondo: meditazione sul surf, posizioni yoga assurde etc etc Notizie sul Buddismo e sullo Shintoismo Buddismo e Shintoismo sono le due maggiori religioni seguite in Giappone. Il Buddismo che è una religione indiana si diffuse in Giappone attraverso la dottrina Zen a partire dal ac.

Per alcuni più che una religione è una filosofia di vita che si basa sugli insegnamenti dell'"Illuminato". I sacerdoti buddisti come Sakurambo predicano la meditazione nel silenzio e i colori delle tonache sono per lo più scuri. Nei tempi remoti erano anche depositari della scienza medica che Sakurambo esercita tuttora! Il culto scintoista si rivolge solo ai Kami, gli "esseri divini" che possono essere in ogni cosa: nei fiumi, negli alberi, nelle montagne, negli uomini, specialmente defunti.

Qualche studioso definisce lo shintoismo, più che una religione, uno stile di vita tipicamente giapponese. L'imperatore è visto come figura centrale dello shintoismo: è proprio in lui che dimora "Amaterasu O Mi Kami", dea del sole.

Tutte le cose vennero dall'azione reciproca di due elementi: il principio attivo Yo e quello passivo In. Nessun senso di colpa, ma solo una purificazione non tanto per il perdono dei peccati, concetto sconosciuto nello shintoismo, quanto per un senso di rispetto verso chi è più grande, più potente, più giusto, più buono.

Tra i più alti valori etici vi sono la fedeltà ai propri doveri, all'imperatore, l'ubbidienza ai superiori, la riuscita negli studi e nella vita, l'autocontrollo, la fedeltà al gruppo a cui si appartiene, il non recare disturbo. Nei santuari si tengono le feste annuali, chiamate "matsuri" e sono meta di pellegrinaggi.

La prima cosa che colpisce il visitatore è il "torii", il portale d'ingresso del santuario. Costruito solitamente in legno, è costituito di pali cilindrici, collegati da due travi orizzontali e tra loro parallele. Entrando nel santuario, il fedele troverà delle vasche d'acqua: nessuno infatti si presenta al Kami senza essersi prima purificato.

Nel tempio ci sono tre oggetti sacri: Lo specchio: simbolo della dea del sole; significa amore e pietà; riflette senza interesse e senza errori: è la sorgente dell'onestà e indica giustizia e imparzialità. La spada: simbolo della lotta contro il male. La collana: simbolo della linea ininterrotta della dinastia imperiale e delle benevolenza degli dei che hanno creato le isole del Giappone.

Lo shintoismo è la religione chiamata "dei Mille Dei". Possono diventare officianti di Shinto anche le donne cosa non ammessa nel buddismo , e i sacerdoti sono anche esperti esorcisti che è la principale prerogativa di Sakura.

Il Buddismo invece venne formato in India tra il e il a. Il Buddismo considera la vita umana come una sequenza interrotta di processi fisici e mentali che modificano costantemente l'uomo. Per il Buddha il desiderio è sofferenza.

Il concetto di sofferenza è qualcosa che va al di là di un malessere fisico o psicologico. La via da percorrere per eliminare lo stato di sofferenza è descritta dal Buddha grazie ad 8 dettami: giusta conoscenza, giusta risoluzione, giusto uso della parola, giusta pratica, giusta condotta di vita, giusto sforzo, giusta attenzione e giusta meditazione.

Il buddismo prevede l'escatologia, ovvero la vita ultraterrena. Infatti nella dottrina dell'Illuminato è previsto il Paradiso o i Paradisi e l'Inferno o gli Inferni.

Come ben notate queste due "religioni" sono molto diverse fra loro pur non avendo punti di contrasto evidenti; Infatti molti giapponesi seguono entrambe le discipline. Gli unici che continuano la "guerra santa" sono Sakura e Sakurambo! Curiosità: in Giappone i matrimoni si svolgono secondo il rito shinto mentre i funerali secondo quello buddista.

Questa è una divisione di puro pragmatismo nipponico, perché per la dottrina shinto non esiste la possibilità di una vita ultraterrena mentre in quella buddista si. I vantaggi di poter scegliere tra due o più religioni sono evidenti Il suo nome significa "Paradiso splendente" o "colei che brilla nel Paradiso".

E' la figura principale del panteon shintoista e la famiglia imperiale del Giappone si dice che discenda direttamente da lei. Quando suo fratello Susanowo il dio delle tempeste distrusse la Terra ma c'è anche una versione che dice che teneva un comportamento scandaloso nel prato Takamagahara , lei, non sopportando la vista di questo scempio si nascose dietro la porta di roccia del cielo, lasciando il mondo nell'oscurità.

A questo punto i demoni presero il sopravvento e neanche gli dei stessi sapevano come contrastarli. Allora tentarono di farla uscire dal suo nascondiglio ma senza successo Finalmente ad Uzume venne una splendida idea: organizzare una splendida festa sotto il suo rifugio!

testi delle sigle e canzoni – SAIYUKI |

Infatti Amaterasu scende sulla Terra in prima persona in cerca del paese di Izumo, in occasione del mese di Ottobre in cui si dice che tutti gli dei scendano nel paese di Izumo. Li incontra il piccolo Ten e si imbatte per caso nella recita scolastica del Tomobiki; soggetto: la leggenda della porta di roccia del cielo.

Tra un equivoco e l'altro si ripresenta la stessa situazione di millenni prima Infatti Amaterasu, offesa da una boccaccia di Lamù, si ritira nel rifugio e lascia il mondo nell'oscurità. In soccorso giungono gli dei reali, solo che al posto di tirarla fuori dalla porta di roccia, la richiudono dentro per godersi la festa ancora un po'!!!

In questo episodio Amaterasu illumina il mondo grazie ad un potente faretto posto sulla sua fronte!!! Amaterasu è anche la dea dell'agricoltura, avendo inventato i campi di riso inada ed avendoli coltivati per prima. Il suo tempio, chiamato Ise-Jingue, si trova tuttora ad Ise sull'isola di Honshu nella prefettura di Mie. Questo tempio viene demolito e ricostruito nella stessa forma ogni vent'anni. Nel santuario interno al tempio la dea è rappresentata tramite uno specchio che rappresenta il suo corpo.

E' anche chiamata Tensho-Daijan. Poco fa vi ho introdotto un luogo mitico della mitologia shinto: il prato Takamagahara. E' il "più alto livello dei Cieli", e assieme a Izumo e Hyuga forma la narrazione della nascita del Giappone e delle gesta delle divinità che vi presero parte. La famiglia Mitsunokoji E' la famiglia rivale dei Mendo. Sono a capo di una azienda che produce attrezzature sportive e sono anch'essi molto ricchi ed altrettanto antiquati. Il padre viene raffigurato come un inetto, mentre la madre è la vera capo-famiglia.

La situazione della prole è alquanto complicata Tobimaro detto "Ton" è vissuto per tutta la sua vita senza mai sapere di avere una sorella. Questa Asuka è una bellissima ragazza dotata di una forza immensa ed è stata cresciuta come vuole la "tradizione di famiglia" senza aver mai visto un maschio! Il fato volle che il primo maschio che incroci nella sua vita sia il "nobile Moroboshi" che, con la sua inconfondibile classe, tenta subito di zomparle addosso segnando la poverina a vita!

Immaginate il casino che fa ogni volta che vede un uomo Gli unici esseri umani di sesso maschile che non la spaventano sono i "suoi fratelli" Tobimaro e Shutaro!

Shutaro è il suo promesso sposo tramite accordo tra le famiglie , anche se non ci verrà mai rivelato il destino della coppia. Con Ton invece ha un rapporto piuttosto ambiguo Infatti, non conoscendo bene come comportarsi con gli uomini, si infila spesso nel letto di Ton per dormire insieme a lui e spesso si infila anche nella sua stessa vasca da bagno con l'unico effetto di farle buscare al povero Ton.

Tobimaru Mizunokoji è anche un patito di baseball e per tutta la serie tenta invano di battere il suo rivale Shutaro reo di averlo battuto da piccolo. Curiosità: i due figli e la madre hanno in comune i particolari "occhi a stella". Il padre invece è ritratto con i lineamenti delle caricature satiriche. Infatti i suoi occhi e la sua bocca sono dei kanji di cui ignoro il significato ma che sono spesso riscontrabili in molti anime allorché si vuol prendere in giro un personaggio. Asuka ha un esercito di guardie del corpo formato esclusivamente da belle donne.

Tutte e quattro erano nella stessa classe alle elementari e ne combinavano di tutti i colori. Delle quattro ex-compagne lei è sicuramente la più irruente ed è chiaramente la leader del gruppo. E' la versione "biker" teppista motorizzata di una "dea della fortuna" e Rumiko Takahashi la ritrae seminuda con tanto di catene e bazooka addosso! Essendo in origine una divinità benevola ai terrestri viene mostrata, all'inizio, come un'avversaria degli Oni. Infatti gareggia con Ataru che aspetta sempre questo giorno con ansia all'annuale festa del Setsuban!

Famosissimo il suo mitra spara fagioli e la catena che porta addosso è la sua chiave di casa!!! Notizie sugli "Shichi Fujukin" Gruppo di sette divinità benevole all'uomo chiamate anche "Le sette divinità della Fortuna" che derivano dalla religione shintoista.

Il loro compito era quello quello di aiutare e difendere l'uomo dalle forze del male.

Per questo Rumiko Takahashi li presenta come alleati di Ataru nella battaglia contro gli Oni figure mitologiche negative del setsuban. Durante l'annuale festa del "Sanganichi" più o meno il nostro Capodanno i giapponesi sono soliti recarsi in un tempio Shinto per pregare gli "Shichi Fujukin" affinché concedano loro un anno di fortuna cerimonia che è possibile riscontrare in quasi tutte le serie animate. In particolare gli "Shichi Fujukin" "i sette dei della felicità" sono: Benten: E' la dea dell'amore, dell'eloquenza, della saggezza, delle arti, della musica, della conoscenza, delle acque e della buona fortuna.

E' a patrona delle Geishe, dei danzatori e dei musicisti. Il perché è semplice se pensate che il Giappone è un insieme di isole e che la pesca era il mezzo di sostentamento principale. Si dice che l'isola di Enoshima ebbe l'onore di ricevere le sue orme. E' raffigurata come una bellissima donna su un drago intenta a suonare uno strumento a corde.

Ha otto braccia, che le servono per reggere una gemma, una spada, un arco, una freccia, una chiave e una ruota. Le altre due braccia sono sempre unite in preghiera.